Come si fa a lanciare un brand online?

lanciare-un-brand

Tra idea e progetto c’è di mezzo la comunicazione!

Lanciare un brand online oggi, avviare la libera professione, che si tratti di vendita esclusivamente online o dal vivo, è un processo che necessita inevitabilmente di alcuni passaggi di comunicazione perchè possa avere lo spazio di espandere la propria influenza.

Così, anche se lavori offline, e stai pensando di portare la tua attività anche nel digitale, ti conviene iniziare subito a definire una strategia di comunicazione di brand.

Oggi siamo tutti competitor

A noi di Lofacciodigital la parola competitor non piace poi tanto, perché più che competitor abbiamo imparato a vedere negli altri business possibili collaborazioni ed esperienze complementari a quella che offriamo, ma volendo analizzare il mercato, è realtà che oggi tutti competiamo per l’attenzione di un pubblico, che ha sempre meno tempo, è sempre più saturo di informazioni e possibilità di acquisto e vive in un mondo iperconnesso e veloce, in cui nulla più lo stupisce.

A fronte di un ottimo prodotto o servizio, sono le relazioni a fare la differenza

Uno dei primi step, fondamentale ormai per la buona riuscita di un progetto o per lanciare un brand online, è trovare la propria community di riferimento e nutrire la relazione con le persone che la popolano, per creare un legame basato su valori condivisi e fiducia sincera. 

Non è raro che chi si approccia al digitale come opportunità voglia immediatamente monetizzare la propria idea e lo capiamo, ma dall’altra è forse l’errore più grande che puoi fare se stai partendo. 

Per prima cosa quindi sii generosa, appassionata e coltiva la pazienza. Scegli i canali su cui comunicare il tuo messaggio in base alle persone a cui è rivolto e alle loro modalità di fruizione delle informazione e lavora sul contenuto senza vendere nulla inizialmente, per creare un legame sempre più forte con le tue persone di riferimento. Non sottovalutare il potere della condivisione: comunicare con un pubblico affine a te ti permetterà di studiare ancora meglio l’offerta che andrai a fare successivamente.

Questo vale se stai partendo, e allo stesso modo vale se sei già avviata sul territorio, ma vuoi digitalizzare la tua attività portando il tuo pubblico a seguirti anche online. 

7 step fondamentali per lanciare un brand

1 – Studia il mercato

Ora che sai che dovrai partire dal contenuto e dal valore che porti, ti chiedo: come farai la differenza rispetto a tutti i contenuti che già esistono sul tuo argomento? Quali sono i tuoi punti di forza? Come li racconterai?

Studia il mercato per prendere ispirazione. Studia il mercato per differenziarti.

E punta alla semplicità nell’esposizione, perchè in un mondo dove l’attenzione è sempre più bassa, un contenuto che mira all’essenziale diventa davvero fruibile e interessante per un pubblico potenzialmente interessato.

2 – Identifica la tua unicità del tuo (Personal) Brand

Un brand di successo nasce dall’autenticità. Per una libera professionista è importante non solo far conoscere l’unicità del servizio o del prodotto che offre, ma anche l’unicità di lei come professionista.

Prima ancora di pensare a una strategia di comunicazione, è fondamentale chiarire chi sei, quali sono i tuoi valori e cosa ti rende unica rispetto ai tuoi competitor: insomma crea la tua Unique Value Proposition.

Dedica del tempo a definire la missione del tuo brand, la tua visione e i valori che desideri trasmettere. Ti ho già parlato di quanto questo aspetto sia importante e di quanto sia potente per riuscire a diffondere e a vendere i tuoi servizi.

Inoltre, mostra il volto umano dietro il tuo brand: racconta la tua storia, condividi i tuoi successi e le tue sfide, e fai vedere il dietro le quinte della tua attività. Le persone amano sapere chi c’è dietro i prodotti e i servizi che acquistano. Questa trasparenza aiuta a costruire una comunità di follower fedeli e coinvolti e contribuisce a creare una connessione emotiva con il pubblico. 

Un’identità di (personal) brand chiara e autentica non solo attirerà il tuo pubblico ideale, ma lo fidelizzerà nel lungo termine. Comunicare con sincerità e trasparenza aiuta a creare un legame di fiducia che va oltre la semplice transazione commerciale.

3- Scegli il primo canale attraverso cui comunicare il valore

La comunicazione è una maratona ad apprendimento costante, non stai facendo i 100 metri. Sappiamo che idealmente sarebbe fighissimo e fortissimo se tu riuscissi a generare contenuti su YouTube, podcast, blog, social, newsletter, ma la verità è che devi prendere il ritmo e che stare in troppi canali contemporaneamente rischia di essere dispersivo per te in termini di energia e per il tuo pubblico. 

Il nostro consiglio è di scegliere un canale estemporaneo, come Instagram, Facebook, Tik tok, Linkedin, a seconda del tuo target di riferimento e un canale più solido, dove l’attenzione è più alta, e la ricerca intenzionale, come Blog, Youtube o podcast.

Sui social comunicherai per farti conoscere più da vicino, nel quotidiano e per creare quel famoso legame di fiducia che ha bisogno di contenuti interessanti, ma anche di tempo e ripetitività. Sugli altri canali, dedicati a quelli che vengono considerati long form content, potrai creare la base della tua comunicazione, dando spunti pratici e conoscenza pragmatica al tuo potenziale pubblico così che possano sentire davvero beneficio nell’ascoltarti.

Il top sarebbe fin da subito, secondo noi, avere un canale di riferimento, come Telegram, o la newsletter, che possa connettere chi incontri nella vita reale, a chi incontri sui social, a chi incappa nella tua comunicazione blog, youtube o podcast, portando riflessioni più intime, contenuti inediti, e ancora più valore rispetto agli altri canali, in un mix di storytelling e contenuto utile.

Definiti i tuoi canali principali, pianifica una strategia di contenuti e storytelling. Non si tratta solo di promuovere prodotti o servizi, ma di raccontare storie che risuonino con il tuo pubblico e che lo coinvolgano, lo educhino e lo ispirino.

Parla direttamente alle persone

Crea contenuti che parlino direttamente alle esigenze, ai desideri e ai problemi del tuo pubblico usando un mix di formati – articoli, video, podcast, infografiche – per mantenere l’interesse vivo e raggiungere un’audience più ampia.

Pensa che il 71% dei consumatori acquista più frequentemente da aziende i cui valori sono allineati ai propri, mentre l’86% degli americani preferisce acquistare da brand trasparenti, e il 73% dei consumatori è disposto a pagare di più per prodotti o servizi di brand che percepiscono come trasparenti​.

4 – Fai un piano di azione

Non è solo questione di contenuti, ma di ritmo. Ritmo di produzione, di pubblicazione, di interazione. 

E ti assicuro, è la cosa più complessa e con cui i nostri clienti si scontrano più spesso quando non hanno costruito un piano di azione. 

Costruire un piano di comunicazione significa tradurre tutti i pensieri precedenti in un file che riporti i titoli di ciò che vuoi comunicare, con delle scalette e il quando. 

Un piano e un calendario editoriale possono davvero aiutarti a rimanere costante nonostante la fatica e a non perdere il focus sui temi che hai evidenziato in fase di ricerca di mercato.

5 – Chiedi aiuto

Fare tutto da sole è possibile, ma molto difficile e dispendioso di tempo e risorse. E la buona riuscita di un progetto avviato in totale autonomia, dipende anche dalle skill pregresse di chi lo avvia in termini di comunicazione. 

Chiedere aiuto a un professionista ti aiuterà a passare oltre certi step (e naturalmente, se stai cercando una strategia di comunicazione a misura del tuo brand, scopri i nostri servizi).

6 – Piano, costante, lento e continuo apprendimento

In una società di performance, che ci ha abituati al tuttosubito, sappiamo che quello che ti stiamo per dire non ti piacerà: creare una community richiede tempo, anche se sei già avviata sul territorio. Ma sarà proprio la community ad essere la base del tuo business e delle tue prime vendite, perciò non c’è cosa più importante.

Inoltre, ascoltare in modo costante il tuo pubblico è essenziale per migliorare continuamente la tua offerta. Incoraggia i feedback attraverso sondaggi, recensioni e interazioni sui social media. Usa queste informazioni per adattare la tua strategia e i tuoi prodotti alle reali esigenze dei tuoi clienti. Un brand che si dimostra attento e reattivo alle richieste del pubblico guadagna credibilità e fiducia, elementi cruciali per la crescita e la sostenibilità a lungo termine.

7 – Coltiva relazioni durature

Infine, non dimenticare che le relazioni sono al centro di qualsiasi attività di successo. Investi tempo ed energie nel coltivare relazioni genuine con i tuoi clienti, partner e collaboratori. Offri valore prima di chiedere qualcosa in cambio e dimostra costantemente il tuo impegno nei confronti della tua comunità. Partecipa attivamente a discussioni, eventi e iniziative del settore per espandere la tua rete e rafforzare il tuo brand.

Tempo di monetizzare?

Di cosa hanno bisogno le tue persone? Non puoi pensare di lanciare un brand se non sai rispondere a questa domanda. Domanda non semplice, anzi, ma importantissima.

Dopo una fase di osservazione e apprendimento dei loro bisogni, ecco che creare i servizi perfetti per loro sarà semplice ed intuitivo.

Lanciare un brand online è una maratona, non uno sprint. Richiede pazienza, dedizione e una strategia ben articolata. Mantenendo un approccio autentico e incentrato sulle relazioni, sarai in grado di costruire una comunità solida e un brand che risuoni profondamente con il tuo pubblico. 

Continua a evolvere, ascolta il tuo pubblico e adatta la tua strategia per rimanere sempre rilevante e di valore.

Per continuare ad avere altri suggerimenti continua a seguirci anche su Instagram @lofacciodigital

Contenuti dell'articolo

Potrebbe interessarti anche...